credits: Carlotta Artioli

Diritto Idee Persone

Bibliografia

    • I contratti di lavoro nella navigazione, 1948
    • Manuale di diritto privato, Milano, Giuffrè, 1952
    • Trattato di Diritto Civile e Commerciale. Volume XXII. La donazione, Milano, Giuffrè, 1956
    • L’impresa e il lavoro nella navigazione, 1962

Andrea Torrente nasce il 25 aprile del 1908 a Casoria. Si forma all’Università di Napoli, dove ha la fortuna di frequentare quello che diventerà l’amico di una vita, il grande Antonio Scialoja. Si laurea a pieni voti con una tesi sul concetto di “inesistenza” nel diritto processuale civile.
Inizia subito la carriera di magistrato presso la Pretura di Napoli, poi al Tribunale di Roma, passando per Teramo, Lecce e Benevento. Per anni ricopre l’incarico di giudice del lavoro serbando un vivo interesse per la materia “dalle quale dipendono le sorti soprattutto degli umili”.
La passione per la dottrina non lo abbandona dopo l’università, tanto che, insieme ad altri giovani, collabora all’Annuario di Diritto Comparato e alle raccolte della giurisprudenza straniera su incarico di Salvatore Galgano. Non solo, Andrea contribuirà alla nascita delle più importanti riviste giuridiche, tra cui la Giurisprudenza completa della Cassazione e Foro italiano. E proprio sul celebre “Torrente”, il manuale di Diritto Privato per antonomasia, si sono formate intere generazioni di giuristi.
Andrea è un vero prodigio del diritto, a 34 anni diventa Giudice della Corte d’Appello e successivamente Consigliere di Cassazione, imprimendo il suo spirito critico e la sua finezza di pensiero nelle pronunce della Suprema Corte.
Il giorno della sua nascita, il 25 aprile, quasi un presagio, segna la traiettoria del suo destino di uomo libero e allo stesso tempo attento alle questioni sociali che “scruta il mondo con occhio sicuro e con intervento scevro da anacronismi”.